Calamari ripieni all’Andalusa


Ingredienti:

  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 3 pomodori maturi o in alternativa passata di pomodoro
  • 1 bustina di zafferano
  • 5 calamari
  • 2 uova 
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Prezzemolo q.b.
  • Olio extra vergine di olia
  • Pangrattato

Preparare i calamari  svuotando le sacche, rimuovendo le viscere ed i gladi interni. Eliminare le pinne e le membrane che rivestono le sacche. Risciacquare accuratamente in acqua corrente l’interno delle sacche. Eliminare il becco dalle teste e pareggiare i tentacoli a 2-3 cm di lunghezza. Conservare le teste a parte. Staccare le alette laterali dalle sacchea e tritarle finemente assieme ai tentacoli. Conservare a parte le sacche.

Sbucciare e tritare finemente la cipolla e la carota. Soffriggere in 3 cucchiai olio extra vergine di oliva metà della cipolla e, quando sarà appassita, unire anche metà della carota. Lasciare cuocere per 5 minuti a fuoco moderato, poi aggiungere il trito di calamari e lasciar cuocere per altri 5 minuti. Togliere dal fuoco. Aiutandosi con un colino, recuperare il liquido di cottura eccedente conservandolo a parte. Mettere il trito di calamari in una ciotola capiente, unire il pangrattato. 

Far rassodare un uovo in acqua bollente. Una volta pronto, dividere il tuorlo dall’albume e tritarli finemente. In una ciotola a parte sbattere il secondo uovo. Tritare finemente il prezzemolo. Unire al composto di calamari e pangrattato, l’uovo sodo tritato, quello sbattuto ed il prezzemolo. Aggiustare di sale e pepe. 
Amalgamare bene tutti gli ingradienti ed iniziare a comporre i calamari: riempire le sacche con un paio di cucchiai di ripieno, senza però riempirli completamente per evitare che in cottura, aumentando di volume, lo stesso fuoriesca dall’apertura anteriore. Per facilitare ulteriormente ciò, apportare alcune piccole incisioni lungo la sacca per permettere al vapore di fuoriuscire anziché spingere fuori il ripieno. Chiudere l’apertura anteriore delle sacche con le teste dei calamari, fissandole con uno stuzzicadenti.

A questo punto preparare il sugo soffriggendo il rimanente trito di cipolla e carota in 3 cucchiai di olio extra verigine di oliva. Lavare, mondare e tritare a dadini i pomodori e unirli al soffritto. In alternativa è possibile utilizzare alcuni cucchiai di passata di pomodoro. Aggiungere a questo punto lo zafferano sciolto in un cucchiaio di acqua e lasciar cuocere per 10 minuti a fiamma dolce.
Nel frattempo sigillare i calamari in un saltiere con alcuni cucchiai di olio extra vergine di oliva, sfumando con vino bianco e rosolandoli da ambo i lati. Unire i calamari al sugo, aggiungendo anche il liquido di cottura del ripieno ottenuto precedentemente e lasciarli cuocere a fiamma dolce per 10 minuti circa. Scuotere la padella  ogni tanto per evitare che si attacchino al fondo. 

Quando i calamari sono cotti, disporli su di un piatto di portata, tagliati a rondelle e adagiati su di uno specchio di sugo di pomodoro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...